Quest’uomo ha salvato 669 bambini dalle mani dei Nazisti – 40 anni dopo, è seduto accanto a loro senza saperlo

Oggi vogliamo rendere omaggio a un vero eroe, raccontando la sua storia. La maggior parte di noi non ha mai conosciuto la guerra, a differenza dei nostri genitori o dei nostri nonni.

La guerra è uno dei più grandi orrori della vita, ci si augura che non capiti mai più.

Ma la realtà è ben diversa, e nell’oceano di dolore e di tristezza che caratterizza il periodo storico in cui viviamo, è importante prendere esempio da persone come Winton.

1
BBC

Nicholas Winton è stato un grande eroe, una di quelle persone in grado di illuminare un periodo buio della storia. Nato in Inghilterra, durante la Seconda guerra mondiale, lavorava nel Kindertransport.

Molto attiva in Cecoslovacchia, ha salvato le vite di centinaia di bambini ebrei durante la guerra. Infatti, nel 1938, durante la famosa notte dei cristalli, le tensioni si sono fatte sempre più grandi.

Nicolas Winton aveva 29 anni e si stava recando a Praga. Temeva per il futuro degli ebrei se i nazisti avessero deciso di invadere la Cecoslovacchia. In seguito, ha salvato 669 bambini ebrei.

Non ne aveva mai parlato prima, lo ha tenuto nascosto per 40 anni. Ma un giorno sua moglie ha trovato un libro con la lista dei nomi dei bambini salvati. Orgogliosa di suo marito, ha avuto un’idea brillante. Il video che vi proponiamo è un estratto di un programma TV del 1988 in cui Nicholas Winton ritrova molti dei bambini che ha salvato.

Nicholas si trova con sua moglie ed è circondato da molte altre persone. Ma non si aspetta che tutte quelle persone sono proprio i bambini riusciti a fuggire dagli orrori della guerra grazie a lui.

Quando il presentatore gli chiede:

“C’è qualcuno tra il pubblico che deve la vita a Nicholas Winton? In tal caso, può alzarsi in piedi?”

E tutti si alzano in piedi. È un momento di grande emozione.

2
Mirror

Nicholas Winton è stato nominato Cavaliere dalla regina di Inghilterra nel 2003, e ha ricevuto i più alti riconoscimenti nella Repubblica Cieca nel 2014. Il nostro eroe ci ha lasciati nell’estate del 2015, ma la sua storia, il suo coraggio e la sua modestia continuano ad esserci da esempio.