Questa donna ha abbandonato 35 gattini nel bosco – la condanna del giudice sta facendo il giro del mondo

Questo giudice americano è diventato una vera e propria celebrità – le sue pene sono davvero originali.

A Painesville, nello stato dell’Ohio, USA, il giudice Michael Cicconetti è diventato una sorta di celebrità.

Il giudice riesce sempre a trovare condanne molto creative per i trasgressori della legge, spesso non contemplano neanche la prigione.

Infatti, Cicconetti cerca di trovare soluzioni che ben si sposino con i crimini commessi, scrive Devourable.com.

Di recente, il giudice Cicconetti ha condannato Michelle M. Murray a una pena poco convenzionale.

Murray è stata arrestata per aver abbandonato 35 gattini nella foresta, durante una fredda notte di novembre.

Quando le guardie forestali hanno trovato i poveri animali, nove di loro erano già morti di freddo. Per fortuna le autorità sono riuscite a risalire a Michelle M. Murray, che in seguito ha confessato.

Michale Cicconetti le ha proposto una pena piuttosto insolita: la Murray poteva scegliere tra tre mesi di prigione oppure solo 14 giorni.

skaermbillede_2017-01-03_kl-_17-29-39
Crime Watch Daily

Se avesse scelto quest’ultima opzione, avrebbe dovuto scontare 15 giorni agli arresti domiciliari e pagare una pena di $3200 all’organizzazione per la protezione degli animali ‘Human Society’ e $500 agli ufficiali che hanno trovato i gattini e si sono presi cura di loro.

In ultimo, il giudice ha chiesto alla Murray di trascorrere una notte nella foresta, proprio come i gattini. Senza cibo né vestiti extra. Il giudice, tuttavia, le ha concesso di accendere il fuoco per evitare che morisse di freddo.

Ma Michelle M. Murray non è l’unica persona colpevole di aver abusato sugli animali ad essersi presentata davanti al giudice Cicconetti.

Di recente, una donna di nome Alyssa Morrow è stata condannata per aver abbandonato il cane per una settimana. Il povero animale era rimasto da solo in casa, senza cibò né acqua, circondato dallo sporco e da cattivi odori.

“Forse se ne deve fare un’idea” ha detto Cicconetti. “Deve vivere come un cane e obbedire ai miei comandi. Deve recarsi in una discarica e rimanere là per otto ore a riflettere su ciò che ha fatto al suo cane” ha sentenziato il giudice.

Cicconetti ha anche condannato una ragazza di 18 anni, colpevole di non aver pagato il taxi, a percorrere 48 km a piedi.

skaermbillede_2017-01-03_kl-_17-29-51
Crime Watch Daily

La ragazza poteva scegliere se trascorrere 30 giorni in prigione o percorrere 48 km a piedi.

Che cosa ne pensate delle sue pene? E se ci fosse un giudice così anche in Italia? Fateci sapere che ne pensate e condividete l’articolo se pensate che Cicconetti abbia fatto la cosa giusta.